Home Scuola di musica Progetti

Progetto educativo di musica per la SCUOLA PRIMARIA

Premessa

Se da un lato risulta ormai indiscutibile l'apporto che la musica può dare per contribuire ad una maturazione globale ed equilibrata della personalità del bambino, d'altra parte è altrettanto palpabile quel senso quasi di disagio con cui le insegnanti operanti nelle Scuola Elementari affrontano la disciplina dell'educazione al suono e alla musica.

Un senso di disagio che trova purtroppo le sue radice nella inadeguatezza del sistema formativo dell'insegnante stessa, un sistema che non è mai stato in grado di collocare nel giusto ambito il linguaggio musicale con le sue potenzialità educative, liberando tanto da un anacronistico quanto inutile e sterile accademismo (il termine solfeggio può forse ricordare qualcosa...) quanto da un semplice attivismo ludico creativo destinato unicamente ad alleggerire il carico scolastico nella giornata del bambino.

Un'ulteriore considerazione riguarda le potenzialità nell'apprendimento musicale che sono presenti nella fascia d'età corrispondente alla Scuola dell'Infanzia e a quella Primaria, potenzialità che devono far riflettere sull'importanza di non sciupare preziose opportunità legate alla peculiare fase evolutiva.

Basti pensare alla mancanza di inibizioni nel coinvolgimento corporeo e nell'uso della voce, così come vale la pena ricordare che in questa fascia d'età avviene l'introiezione inconsapevole del nostro sistema musicale e il bambino vive una dimensione di esplorazione e scoperte continue destinate a lasciare un segno indelebile. Ci troviamo qui a che fare con una personalità che è in via di formazione, dove non è ancora pesante il condizionamento di stereotipi, mezzi di comunicazione e luoghi comuni come invece già avverrà più tardi nella fascia della scuola Secondaria di 1°grado dove, a fronte della presenza di una specifica figura di riferimento (l'insegnante di Educazione Musicale), ci si deve però confrontare con un quadro evolutivo più maturo ma anche più rigidamente sedimentato.

Sulla base di queste considerazioni, nasce l'esigenza di attuare nella scuola attività di Musica gestite da insegnanti realmente in grado di svolgere tali compiti soddisfacendo perciò le esigenze formative degli alunni.

 

Struttura degli interventi nelle classi

Il percorso musicale proposto, prevede un numero minimo di 9/10 incontri ad un massimo di 15/16 più incontri per ogni classe o eventuale gruppo di lavoro.

Generalmente il progetto standard basato su 15/16 incontri prevede l'ingresso del docente esperto a cadenza quindicinale durante tutto l'anno scolastico. Ma a seconda delle esigenze della scuola il progetto può essere anche calendarizzato anche a cadenza settimanale.

Nell'attuazione del progetto a cadenza quindicinale, il docente Esperto sviluppa nell'incontro da lui tenuto la programmazione e l'insegnante titolare collabora come osservatore. Nella settimana dove sarà assente il docente esperto, l'insegnante titolare continuerà la programmazione assegnata. In questo modo l'insegnante titolare avrà la possibilità di sperimentare in prima persona le eventuali problematiche inerenti la disciplina, che potranno nell'incontro successivo (con la presenza dell'esperto) essere esaminate e risolte insieme.

 

Finalità del corso:

- la formazione musicale di base a completamento dello sviluppo della personalità che miri a:

1) sviluppare la capacità di ascolto, di concentrazione e memorizzazione;

2) sviluppare le capacità critiche e creative;

3) affinare il gusto estetico per apprezzare il valore espressivo del linguaggio musicale ed il suo insostituibile apporto alla cultura di tutti i tempi.

 

QUESTO SITO UTILIZZA COOKIES TECNICI ANCHE DI TERZE PARTI PER UNA CORRETTA FRUIZIONE DEI CONTENUTI.

Usando il sito o cliccando sul tasto sottostante si accetta di utilizzare i cookies. Per maggiori informazioni.